mercoledì 25 luglio 2012

C'erano un'italiana, una tedesca e una francese...







Quelle che come me vanno in vacanza sui laghi del nord Italia sono abituate a confrontarsi con i turisti provenienti dal nord Europa ed in particolare dalla Germania.

Quando eravamo ragazzine passavamo le mattinate a decidere cosa indossare il pomeriggio in spiaggia per fare colpo sui ragazzi della “compagnia”, come pettinarci, come profumarci, insomma come cercare di essere più attraenti; immancabilmente loro, i ragazzi, non avevano occhio che per l’ultima tedeschina arrivata, rigorosamente bionda, slanciata e snella. La tedeschina in compenso non se li filava, le tedesche in generale non se li filavano e passavano il tempo tra sci d’acqua, wind surf, e canoa mentre quelli si esibivano in tuffi dal pontile tanto inenarrabili quanto pericolosi. Tra una spanciata e l’altra finiva il mese di luglio e ad agosto le scuole in Germania riaprono, quindi via le tedeschine: tuffi e sforbiciate tornavano ad essere per noi, anche se more, basse e cicciottelle.

Qualche anno dopo cominciammo anche noi a guardare la concorrenza (con l’età avevamo capito che il nemico, per sconfiggerlo, bisogna conoscerlo) e fu allora che scoprimmo che in realtà le avvenenti signorine teutoniche di difetti ne avevano, eccome.

Innanzitutto non si depilavano, per niente; certo avevamo il vantaggio del pelo biondo, però insomma, a guardarle da vicino facevano un po’ impressione.

In secondo luogo avevano un pessimo gusto nel vestire, non è una novità, ma per noi diciottenni non era poi così scontato.

Terzo si cibavano con piatti improbabili come spaghetti con la marmellata o poc corn sale e zucchero.

Certo loro partivano con un indiscutibile vantaggio, ma a colpi di sedute dall’estetista, parrucchiere e abiti di un certo gusto ci siamo ad un certo punto illuse di averle, se non superate, almeno affiancate. Forse parte del successo era dovuto al fatto che i maschi si erano resi conto che quattro tuffi non erano più sufficienti per far colpo, che un minimo di conversazione era indispensabile e che l’unico di loro che poteva esibire un inglese da soggiorno studio a Dublino non era esattamente il più avvenente (e comunque scomodo da portarsi dietro come traduttore).

Con un salto temporale degno di doc Brown (gli anni saltati sono quelli delle vacanze con gli amici e in giro per il mondo, quando si passava dal lago giusto per salutare la mamma un paio di week end) ci siamo ritrovate, noi e le tedesche, mamme in spiaggia. E qui scattano i confronti, di nuovo.

Noi un paio di figli a testa, loro dai tre in su;

I nostri abbronzati con il segno dei braccioli, i loro senza braccioli ma bianchi come cenci per via delle manate di crema solare non assorbita.

Noi che litighiamo perché i pargoli attendano le rigorose tre ore dopo il pasto per fare il bagno; loro che li nutrono a merendine e patatine fritte e poi li scaraventano subito nell’acqua gelida del lago, dove non toccano, senza braccioli o salvagente.

Noi che urliamo ordini ai quattro venti e facciamo i turni per controllare che i bambini giochino in riva con la testa all’ombra, il corpo al sole, i piedi a bagno, ma con l’acqua che non superi il livello delle caviglie; loro a cui basta uno sguardo perché i figli, piantati nella sabbia come cactus nel deserto, obbediscano senza discussioni.

Noi che arriviamo in spiaggia cariche come degli sherpa tra asciugamani, cambi e ricambi, merende e succhi, giochi, braccioli e tavolette; loro che se la cavano con uno zainetto a testa, figli piccoli compresi.

E si potrebbe continuare all’infinito. Devo dire che prima di avere i figli, quando mettevo a confronto le mamme italiane e quelle tedesche, pensavo che sarei diventata come queste ultime (peli a parte), ma adesso è tutta un’altra storia, faccio la sherpa, urlo ordini e metto i braccioli (in piscina si mettono all’entrata e si tolgono all’uscita, del centro balneare, non della vasca).

Quest’anno, al lago, è arrivato un elemento nuovo che rischia di sbilanciare gli equilibri sviluppati in tanti anni di convivenza; quest’anno, forse complice la crisi in Europa, al lago è comparsa una nuova specie: la mamma francese.

Madre prolifica, anche più della tedesca, figli educati e silenziosi (non come i teutonici che non capiscono che non possono tuffarsi a bomba di fianco ad un bimbo di tre anni che impara a nuotare), figlie efebiche con abitini deliziosi e, ho controllato, curata e depilata; insomma sembrerebbe sfiorare la perfezione. Forse serviranno altri venticinque anni per trovare qualche difetto alla francese, e magari noi e le tedesche ci alleeremo in questo.

p.s. se trovate qualche “svarione” in queste righe è perché ho scritto il tutto con Barbaforte sotto il tavolo che cantava giocando con Mister Potato, ho provato a guardarlo intensamente come la tedesca, ma ogni volta invece di tacere mi passava un braccio o un orecchio da attaccare; mi sa che devo esercitarmi ancora un po’ con quello sguardo, nel frattempo vado ad attaccare i piedi a Mister Potato.

A presto!

2 commenti:

Valentina ha detto...

Simpaticissimo questo post!!
Un salutone Ste e buona serata*

la Ste ha detto...

Grazie! Dopo la giornata di ieri in una piscina in Svizzera ero particolarmente ispirata.
Ciao e buona serata anche a te.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...